Associazione Piazza San Marco
chiudi
16 gennaio 2015

Il Presidente Alberto Nardi ha incontrato la Soprintendente Renata Codello

Il Presidente dell’Associazione Piazza San Marco Alberto Nardi e l’architetto Ettore Vio Proto di San Marco hanno incontrato il 15 gennaio la Soprintendente ai Beni Architettonici e Paesaggistici di Venezia e della Laguna Renata Codello. Nell’incontro si è parlato della nota questione dell’allagamento della Piazza in presenza di maree medio-basse e della questione decoro soprattutto commerciale. Per quanto riguarda la questione dell’acqua alta si è discusso soprattutto del mancato intervento di impermeabilizzazione della Piazza San Marco. In merito, la Soprintendente ha sottolineato che il progetto probabilmente non è stato eseguito non solo per la mancanza di fondi ma pure per divergenze tecniche sulla fattibilità dell’impermeabilizzazione della Piazza. Alcuni tecnici infatti esprimevano perplessità sull’intervento, perplessità tecniche espresse anche dal Proto Vio. L’idea invece sarebbe quella di lavorare su cantieri più piccoli e su sezioni più piccole della Piazza affrontando quindi in modo diversificato gli interventi attinenti alla Basilica di San Marco e alle Procuratie Vecchie: siti che oggi rappresentano le principali criticità. Intervenendo quindi in modo più “localizzato” si potrebbe anche con una spesa minore portare la pavimentazione a quota 1 metro o 1 metro e 5 centimetri riducendo l’impatto delle maree medio-basse: questo intervento sarebbe fattibile anche per il Proto Vio. Nardi ha assicurato che ci sarà l’impegno dell’associazione per mappare le singole proprietà dei negozi ubicati sotto le Procuratie Vecchie e capire contestualmente se esistono possibilità per trovare adeguati finanziamenti atti ad agevolare gli interventi dei privati. Altro tema affrontato è stato quello del decoro e della lotta al commercio abusivo. La Codello ha evidenziato che la nuova normativa ministeriale concede pieni poteri alle Soprintendenze in merito alla gestione dei plateatici, delle insegne e pure in merito all’oggettistica, spesso scadente , venduta nei luoghi storici. A tal proposito avevamo già scritto una specifica news. Grazie a questa normativa c’è finalmente la possibilità di intervenire sul territorio e sanare situazioni chiaramente abusive riportando ordine in alcune zone storiche come ovviamente Piazza San Marco. Su questo specifico aspetto il Presidente dell’associazione Nardi si è espresso favorevolmente salutando positivamente l’approvazione della normativa che porta finalmente chiarezza nel comparto e, nell’auspicare che tutti i commercianti e tutta la categoria dia il buon esempio, Nardi invita a far partire proprio da Piazza San Marco questa nuova strategia di legalità e di rispetto delle regole. In foto la Soprintendente Renata Codello.